ajax
attendere prego...
Cerca

Attività Prestazioni suppletive di imprese

Le imprese che hanno assunto un impegno nei confronti della Confederazione di ridurre le emissioni di gas serra ai sensi dell’art. 67 dell’Ordinanza sul CO₂, possono convertire in attestati le prestazioni suppletive ai sensi dell'art. 12 dell’Ordinanza sul CO₂. Le emissioni dell’impresa però devono superare di oltre il 5% l’obiettivo convenuto. Inoltre possono trasferire le prestazioni suppletive provenienti dal primo periodo d'impegno 2008 - 2012 al secondo periodo d'impegno 2013 - 2020.
Esempio: Una lavanderia assume nel 2014 un impegno di riduzione con l’UFAM ai sensi dell’art. 67 dell’Ordinanza sul CO₂. La lavanderia in teoria sarebbe in grado di sostituire il sistema di riscaldamento ad olio con uno a legna, ma non avrebbe senso da un punto di vista economico, e non rientra quindi neanche nel calcolo della convenzione sugli obiettivi con l’UFAM. Per finire nel 2015 la lavanderia opta per il riscaldamento a legna e quindi dal 2016 registrerà un livello di emissioni significativamente inferiore all’obiettivo fissato. La lavanderia potrà vendere alla Fondazione KliK l’intero ammontare di prestazioni suppletive ottenute superando l'obiettivo di emissioni, meno il 5%.
Conformemente all'art. 12a dell'Ordinanza sul CO₂, anche le imprese con una convenzione sugli obiettivi volontaria con diritto ad attestati possono generare attestati. A tale scopo devono però presentare in un progetto, ai sensi dell’art. 5 dell’Ordinanza sul CO₂, le misure intese al superamento dell’obiettivo di emissioni, misure che non possono rientrare nell’obiettivo stabilito o nella convenzione sugli obiettivi. Inoltre per tali prestazioni suppletive si rilasciano attestati solo quando l’obiettivo di emissioni è superato di oltre il 5% per tre anni. Le imprese con una convenzione sugli obiettivi volontaria secondo l'art. 68 dell'Ordinanza sul CO senza diritto ad attestati o le imprese che partecipano al sistema svizzero di scambio di emissioni (imprese SSQE) non possono generare attestati.
La Fondazione KliK ha presentato alle imprese esentate un'offerta d'acquisto per gli attestati provenienti dalle prestazioni suppletive e dai diritti di emissioni in soprannumero. 268 imprese hanno beneficiato dell'offerta della Fondazione KliK. Altre imprese riceveranno dalla Fondazione KliK un'offerta contrattuale identica dopo la ricezione della decisione dell'UFAM. In caso di domande, favorite contattare la signora Darja Tinibaev.